domenica 31 luglio 2016

San Francesco ci mostra con quale fede ci si pone davanti alle icone.....





"Intanto si prese cura di quella immagine, e si accinse, con ogni diligenza, ad eseguirne il comando. Subito offrì denaro ad un sacerdote, perché provvedesse una lampada e l'olio, e la sacra immagine non rimanesse priva, neppure per un istante, dell'onore, doveroso, di un lume" 

(Fonti Francescane 595)








[...] La venerazione di san Francesco nei confronti di quella sacra Immagine è commovente e ci richiama, a non dimenticarci mai che il Signore si rende presente attraverso l'icona. Francesco ci mostra con quale fede ci si pone davanti all'icona, rapportandoci ad essa in maniera personale, come di fronte a Dio stesso...perché attraverso di essa Dio si può manifestare.

Ci insegna che l'icona rende presente una persona con cui si può entrare in un dialogo d'amore...e che l'icona non è solo da guardare...ma anche da ascoltare. Anche il nostro cuore, pregando davanti all'icona può essere toccato dalla grazia...e può cambiare radicalmente la nostra anima... 




Francesco ci mostra anche con che attenzione e rispetto si devono conservare le icone....si preoccupa di comprare dell'olio, affinchè davanti ad essa, come davanti al tabernacolo...sempre ardesse un lume...come si conviene....ad un luogo teofanico, cioè un luogo dove vi è la presenza divina....
Francesco ha ben chiaro il valore sacro dell'icona, sa che "l'onore reso all'icona, è reso, non ad una tavola dipinta ma al suo Prototipo" cioè, al Signore stesso.  
(Michele A. Ziccheddu "Pregare con gli occhi, pregare col cuore" )



Translate